ADOLOSCENZA

on .

L’adolescenza è l’età di transizione tra l’infanzia e l’età adulta e, come oramai sappiamo, la sua durata è variabile ed irregolare. Durante questo periodo il mondo protetto dell’infanzia va, via via, scomparendo ed insieme appaiono trasformazioni fisiche ed intellettive. Dall'ambiente familiare chiuso si passa ad un mondo sociale più aperto e non più protetto e spesso, all'interno di così tanti cambiamenti, si ritrovano mondi delicati e molto fragili.

Questa fase adattiva ha spesso un’evoluzione difficile, lunga e perturbata.  Accade che l’adolescente debba trovare un personaggio coerente a cui conformarsi affrontando parallelamente il problema scolastico, professionale e di comportamento. Inoltre, l’adolescenza è anche la fase di assunzione e di estensione di personalità e di adattamento, attraverso comportamenti spesso originali e contradditori. La continua mutazione dei ragazzi negli atteggiamenti verso la famiglia, la scuola, gli amici può mettere in confusione i genitori poiché il mondo a cui gli adolescenti appartengono appare illogico o irreale ed è molto diverso dal mondo rassicurante, oggettivamente stabile, dell’adulto. Queste contraddizioni preoccupano chi si occupa dei ragazzi, ma questo è il lavoro dell’adolescente che si modifica e cambia continuamente. Proprio come l’adolescenza è un’età di cambiamenti così anche la terapia con i ragazzi non è mai decisa a priori, ma si modifica nel linguaggio, nella modalità comunicativa e negli argomenti. L’adolescente, la sua famiglia e la terapia stessa sono costantemente riformulati e messi in discussione per trovare nuovi sensi.

Poiché i ragazzi sono immersi nell’ambiente emotivo-affettivo della famiglia diventa di fondamentale importanza la voce dei genitori che viene sempre ascoltata. Inizialmente è previsto uno o due incontri con la famiglia e 3 incontri circa con il ragazzo in modo tale da conoscersi reciprocamente e decidere insieme l’eventualità di un percorso. L’incontro con la famiglia a terapia iniziata non è sempre necessario, ma nemmeno da escludersi. Come spesso accade bisogna vedere l’evoluzione della storia del ragazzo e della terapia per decidere quale sia il percorso migliore.

 

Dott.ssa Francesca
Cesina Psicologa Clinica, Psicoterapeuta

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo.  Maggiori dettagli sull'informativa a questo link Cookie e Privacy Policy